Saverio Bari sulla vittoria del Major Milano-fratelli Bari Sporting Club

La vittoria del primo major stagionale, il 23esimo della storia della F.lli Bari Sporting Club Reggio Emilia, ha caricato l’ambiente. Parla il capitano dei granata Saverio Bari.

Avete vinto il Major di Milano, lo storico torneo di Natale, che effetto fa?
«Che dire, siamo tutti molto contenti, abbiamo vinto il 23esimo major della nostra storia, ci abbiamo creduto, lo abbiamo voluto e l’abbiamo portato a casa. È stato bello, una grandissima soddisfazione».

Che torneo è stato?
«È stato un torneo molto competitivo, c’erano tutte le squadre più forti. Noi abbiamo giocato molto bene, siamo riusciti a dare continuità all’ottima prestazione dei campionati italiani. Sono contento anche della mia prestazione e di quella di tutti i ragazzi».

In finale avete incontrato gli Eagles Napoli dell’ex Carlos Flores, che parita è stata?
«La finale è stata una partita molto bella, combattuta, leale. A un certo punto del secondo tempo si è capito che si sarebbe risolta alla differenza reti. A 4-5 minuti dalla fine eravamo sopra di un gol alla differenza reti e siamo riusciti ad allungare vincendo così la partita e il torneo. Bravo Luca Zambello che è riuscito a limitare Carlos Flores Lopez, mi hanno detto che Zambo (Zambello ndr) avrebbe anche potuto fare meglio…. ma è andata benissimo così. Mi dispiace per Carlos e gli Eagles che hanno fatto un grande torneo ma sono contento per noi che abbiamo meritato».

Se vogliamo trovare un difetto anche a Milano nessuno della F.lli Bari Sporting Club ha lottato per vincere il torneo individuale, non le manca la vittoria del sabato?
«Personalmente ho fatto molto bene nel mio girone chiudendo primo a punteggio pieno. Ai sedicesimi ho battuto Koutsompinas che è un buon giocatore, purtroppo sono uscito agli ottavi con Huynh perdendo di misura. Peccato. Nei miei obiettivi stagionali c’è provare a vincere un major. Ma posso dirle una cosa?».

Prego…
«È vero che non abbiamo vinto l’individuale, ci sono ancora due major da fare (Rochefort e Bologna ndr) e speriamo di poter arrivare a vincere l’individuale, ma siamo contenti di aver vinto il primo major già a dicembre. Quest’anno ci tenevamo a fare bene, aver già alzato il primo trofeo è una bella soddisfazione».

Senza Flores, passato agli Eagles Napoli in estate, e senza un mercato scoppiettante eravate partiti tra lo scetticismo generale. Concorda?
«Sapevo che la squadra poteva farcela a vincere. Non eravamo tutti convinti di questa possibilità. Sapevo che potevamo riuscirci, conosco la forza dei nostri giocatori. Adesso i ragazzi se ne sono convinti e penso che se ne sia convinto anche qualcuno all’esterno».

10 Dicembre, 2019